Manutenzione scuole 3.0

Benvenuti nel terzo millennio.

La scuola elementare di Avesa, un ameno sobborgo a nord della città, era ormai al limite della vivibilità.

Corridoi, bagni, teatro, locali del seminterrato, termosifoni e porte  non ricevevano le dovute attenzioni da tempo inenarrabile.

Il seminterrato puzzava di muffa a seguito di infiltrazione recenti e molte porte abbisognavano di interventi ricostruttivi.

Stufi di questa situazione, i genitori degli alunni della scuola si sono rimboccati le maniche, e in un paio di fine settimana hanno cambiato volto agli interni della vecchia struttura portandosi naturalmente tutti gli attrezzi da casa e comprando di tasca loro il colore, lo stucco, il cemento e tutto il resto.

L’assessore alla  pubblica istruzione Alberto Benetti ha dato la sua  Benedizione al nobile gesto, richiedendo solo ai  genitori di unirsi in un’associazione ufficialmente riconoscibile e di munirsi di un assicurazione  (sempre e comunque a spese loro).

 

Cars

bars

Qui i casi sono due: o gli automobilisti alzano il piede dall’acceleratore e si comportano come zelanti neopatentati quando sono a Verona per poi trasformarsi in spericolati piloti da Formula 1 sulla Transpolesana; oppure l’uso dell’autovelox tra i due comuni è radicalmente diverso. Accantonando com’è ovvio la prima ipotesi, meglio indagare sulla seconda. Ed in effetti c’è una radicale differenza: quello all’imbocco della 434 è un autovelox fisso, in funzione 24 ore su 24; mentre a Verona ci sono solo postazioni mobili.

Skate Power

Verona Skaters di via Galliano foto Sartori fotoland

I numeri delle multe di San Giovanni Lupatoto fanno ancora più impressione se confrontati con quelli di Verona. Nel 2013, la polizia municipale scaligera ha contato 9.582 verbali per eccesso di velocità rilevati con l’autovelox. Da gennaio a settembre di quest’anno, le multe sono state 4.832, ovvero 536 al mese. Come a dire: quarantaquattro volte in meno rispetto al solo autovelox sulla 434.

Africa

DSCF21872

VERONA Un solo autovelox, quello all’imbocco del tunnel all’inizio della statale 434 Traspolesana nel territorio di San Giovanni Lupatoto, ha comminato in un mese quasi tre volte il numero totale di tutte le multe per eccesso di velocità del Comune di Verona in un anno. Il rilevatore di velocità fortemente voluto dal sindaco lupatotino Federico Vantini, è entrato in funzione dal 19 agosto. Nel solo mese di settembre, le infrazioni registrate al limite dei 90 km orari sono state ben 24mila. Ad ognuna corrisponde un verbale e una multa che, a seconda della velocità, varia da 168 a 821 euro (come varia la decurtazione dei punti della patente: da 3 a 10 a una sospensione di sei mesi). «È un tratto critico, rettilineo, che in un passato recente ha visto incidenti importanti – spiega Vantini – I numeri delle multe adesso fanno impressione, ma in fondo sono relativi: riguardano solo l’8 per cento dei passaggi. E in ogni caso c’è un modo molto semplice per non prendere la multa: basta rispettare il limite dei 90, invece c’è chi ha fatto anche i 188 km/h».

Bocce

Tocatì 2013 pomeriggio

VERONA Un solo autovelox, quello all’imbocco del tunnel all’inizio della statale 434 Traspolesana nel territorio di San Giovanni Lupatoto, ha comminato in un mese quasi tre volte il numero totale di tutte le multe per eccesso di velocità del Comune di Verona in un anno. Il rilevatore di velocità fortemente voluto dal sindaco lupatotino Federico Vantini, è entrato in funzione dal 19 agosto. Nel solo mese di settembre, le infrazioni registrate al limite dei 90 km orari sono state ben 24mila. Ad ognuna corrisponde un verbale e una multa che, a seconda della velocità, varia da 168 a 821 euro (come varia la decurtazione dei punti della patente: da 3 a 10 a una sospensione di sei mesi). «È un tratto critico, rettilineo, che in un passato recente ha visto incidenti importanti – spiega Vantini – I numeri delle multe adesso fanno impressione, ma in fondo sono relativi: riguardano solo l’8 per cento dei passaggi. E in ogni caso c’è un modo molto semplice per non prendere la multa: basta rispettare il limite dei 90, invece c’è chi ha fatto anche i 188 km/h».